La leggerezza del Pagliaccio: Slava al Piccolo

La prima cosa che colpisce l’occhio dell’osservatore entrando nel Piccolo Teatro di Milano per vedere lo Slava’s Snowshow  sono gli infiniti coriandoli di carta  velina che tappezzano la sala.Sono dappertutto: si vedono sui sedili, per terra, ammucchiati alla bell’e meglio sopra tutta la superficie e ai bordi del palcoscenico, in ogni angolo recondito del teatro. Lungi dal significare l’incuria del personale del teatro, questi fiocchi di neve di pochi centimetri quadrati sono un chiaro segnale di avvertimento per lo spettatore: un segnale di rottura con il teatro ordinario e pulito, ma soprattutto un allargamento a tutta la platea del “fronte di azione” del palco.

(Continua a leggere su Faber Giornale)

fabergiornale3

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...